Fino al 14 giugno 2018 il Castello Aragonese di Otranto, che si trova a 5 km dall'Agriturismo Fontanelle, ospita la mostra del noto fotografo pubblicitario Oliviero Toscani, dal titolo "Cinquant'anni di Magnifici Fallimenti".

Un’esposizione, curata da Nicolas Ballario e coordinata da Lorenzo Madaro, che celebra la potenza creativa e la carriera di un maestro della fotografia contemporanea che con i suoi scatti ha fatto discutere il mondo su temi come il razzismo, la pena di morte, i diritti umani, l’AIDS, la guerra. Tra i 130 lavori in mostra il celebre “Bacio tra prete e suora” del 1991, i “Tre cuori White/Black/Yellow” del 1996, la “Ragazza Anoressica” del 2007. In mostra anche i lavori realizzati per il mondo della moda, che Oliviero Toscani ha contribuito a cambiare radicalmente, dalle celebri fotografie di Donna Jordan fino a quelle di Monica Bellucci, oltre ai ritratti di Mick Jagger, Lou Reed, Andy Worhol, Federico Fellini e i più grandi protagonisti della cultura dagli anni Settanta in poi. In questa straordinaria galleria di ritratti, anche quello dedicato al genio di “Nostra signora dei Turchi”, Carmelo Bene. Una sezione della mostra è dedicata al progetto di fotografia e video “Razza Umana” che Oliviero Toscani da anni porta avanti analizzando le diverse morfologie e condizioni umane, per rappresentare tutte le espressioni, le caratteristiche fisiche, somatiche, sociali e culturali dell’umanità, toccando più di 100 comuni italiani, lo Stato di Israele, la Palestina, il Giappone e per le Nazioni Unite, il Guatemala. In mostra c’è anche il primissimo piano di un africano con due occhi diversi tra loro, fotografia con la quale Toscani lanciò il suo centro di ricerca, FABRICA, nel 1993: David Bowie fu così colpito da quell’immagine da decidere di scriverci la canzone “Black Tie, White Noise”.

Per informazioni: www.toscaniaotranto.it